IL CEREO

''La Candelora''

Il Cereo, oppure la Candelora del ''Rione Panzera'' è stata costruita in Aci Sant'Antonio nel 1974 dal Sig.A.Sapienza.
Successivamente nel 1980 fu completata e rifinita dal Sig.Alfio Grasso, fu Domenico di Catania, con una speciale mistura di oro e argento che la ricopre di una patina dorata.
I componenti del Consiglio Direttivo, nonchè tutto il Rione,parteciparono alla costruzione del cereo, attraverso pesonali e cospicui contributi.
In particolare si ricorda il Sig.Natale Cuscunà
detto ''cicalazza'',il quale si recava personalmente nella falegnameria del ''Maestro'' Sapienza, scultore del legno in Aci Sant'Antonio, senza alcun mezzo di locomozione, confidando solo nell'aiuto delle sue gambe, al fine di sovrintendere ai lavori di costruzione del cereo votivo.
Si menziona,inoltre,il Prof. Giuseppe Francaviglia, allora presidente del Rione, il quale seguì con impegno ed interesse i lavori del cereo, poichè la dedizione della famiglia Francaviglia per il Rione, era ed è da tutti riconosciuta.
Nel 1977 il Direttivo del Rione Panzera,allora riunito nei locali della sede sociale,in affitto, sita in via V.Emanuele n°414, deliberava ufficialmente che un loro componente, il Sig. Salvatore Rapisarda, sarebbe stato insignito della carica di ''Rettore'' del Cereo votivo.
Durante i festeggiamenti solenni della Santa Patrona Anastasia, la candelora è stata, fino a qualche anno fà condotta in processione da otto uomini detti ''portatori'', ingaggiati dal Rettore per conto del Rione e provenienti dal circondario.
Nel 2003 per la prima volta,
nella storia dei festeggiamenti in onore della Santa Patrona, a differenza degli altri Rioni di Motta Sant'Anastasia, si sono offerti di portare ''la Candelora'' otto giovani più quattro riserve tutti rigorosamente Panzera e devoti della Santa.
Durante le celebrazioni religiose il cereo viene custodito all'interno della Chiesa Madre (detta Matrice), e al termine della festa viene riportato dai Rionali nella ''sua casa'' sita in via XXIV Luglio, di proprietà del Sig. Santagati Pasqualino, classe 1935.
Il Sig.Santagati,sin da quando la candelora arrivò a Motta,espresse,insieme alla sua famiglia,il desiderio di custodirla nei locali della propria abitazione.
A tal proposito fece costruite una stanza con adeguate misure,sia in altezza, che in larghezza in modo da locarvi facilmente la candelora, dove tutt'oggi può essere ammirata nella sua maestosa grandezza e luminosità.
E' tradizione che la mattina del 22 agosto dell'anno in cui ricorrono i festeggiamenti solenni di Sant'Anastasia, il cereo esce ''dalla sua casa'', e dopo i rituali spari di ''salve e cannonate'', viene portato in giro per le vie del paese, seguito da una banda musicale.

Particolare emozione suscita la trionfale entrata della candelora i piazza la sera del 22 agosto, accompagnata da ripetuti spari di ''moschetteria'',''colpi a cannone'' e fuochi d'artificio, calibrati dal più bravo maestro artificiere del momento.
Ci corre l'obbligo di ricordare che per diversi anni il Rione Panzera ha avuto come artificieri la ''ditta Viola'' che, con sapiente esperienza, ha guidato il Rione nella buona riuscita delle gare di fuochi pirotecnici intraprese con i Rioni rivali.
Al meritato successo do ''zù Turi Viola''(Salvatore Viola),padre, e del bravo Maurizio,figlio, hanno cotribuito i loro collaboratori, ''Peppe''(Sig.Giuseppe),''u zù Turi''(Sig.Salvatore) quest'ultimo bravissimo compositore di bombe da ''tiro'', ''Saro'' (Sig.Rosario) e la grintosa Signora Viola esperta manifattrice di moschetterie.
In questa occasione abbiamo voloto ricordare i nomi e l'esempio di coloro che, con il loro contributo portartato, hanno innalzato il nome del Rione Panzera, elevandolo ai più alti allori sempre al grido di ''Viva Sant'Anastasia''.

Il 22 agosto 2014 il Cereo, o candelora, del Rione Panzera raggiunge un traguardo storico, ovvero i 40 anni della sua realizzazione. Infatti, il Cereo votivo creato e offerto alla Santa patrona di Motta, fu realizzato 4 decenni fa, per merito del grandissimo senso di fede che i rionali riversavano nei confronti di Sant'Anastasia, la quale era molto sentita non solo tra le famiglie ma anche tra i giovanissimi. Pertanto, va evidenziato come i rionali offrissero spontaneamente tutto quello che era a loro disposizione, anche a costo di privarsi del cibo, allo scopo di realizzare quest'opera votiva in onore di Sant'Anastasia.


STRUTTURA DELLA CANDELORA (CEREO)

La Candelora del Rione Panzera è alta 3 metri e 90 centimetri, per la costruzione del suo scheletro è stato usato un legno robusto di rovere, e consta di quattro ordini.


-PRIMO ORDINE: è formato da quattro colonne che sorreggono i piani superiori, e da quattro pannelli che raffigurano:

PANNELLO A - lo scudo e la corona, emblema del Rione Panzera.

PANNELLO B - Blasone dell'antico casato dei Panzera, successivamente restaurato, venne introdotta la scritta Cereo Rione Panzera

PANNELLO C - varietà di frutta, doni della natura,offerti dai rionali alla Santa.

PANNELLO D - arnesi da lavoro dei vari mestieri, successivamente restaurato, venne introdotto il castello normanno di Motta S.Anastasia


-SECONDO ORDINE: sono raffigurati quattro angeli che inneggiano la devozione alla Santa Martire, nonchè quattro pannelli che raffigurano:

PANNELLO A - la statua della Santa Patrona prosizionata nel panello centrale.

PANNELLO B - il martirio di Sant'Anastasia nel lato destro

PANNELLO C - Sant'Agata vergine, Santa Patrona di Catania, rinchiusa nel carcere, nel lato sinistro.

PANNELLO D - l'immaggine dell'Immacolata,protettrice del Rione Panzera, nel lato posteriore.


-Nel TERZO e QUARTO ordine viene rappresentata la gloria e l'incoronazione della Vergine Santa Martire Anastasia, con Pannelli di legno cesellato in stile ''Barocco''.
In alto domina "U Mazzu" (Il Mazzo di fiori), una composizione di fiori creata da bravi artisti fioristi del Rione.
"U Mazzu"  è illuminato, come tutto il cereo, in modo sapiente, al fine di far risaltare, con contrasti di luce, i colori dei fiori, nonchè la doratura composta da "Mistura di oro ed argento".
Tra le bandiere che adornano la parte superiore del cereo votivo, donate dai vari borghi o famiglie del Rione, spicca quella che rappresenta l'immagine dell'Immacolata protettrice del Rione.

 

Seguici su

CONTATTI

Via Vittorio Emanuele, N° 410

95040 Motta Sant'Anastasia (CT)

Email

rione.panzera@virgilio.it

 

Eventi
November 2018
M T W T F S S
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2